Schegge del Sapere

Cerca

Vai ai contenuti

Menu principale:


L'armamento delle navi

Storia > Guerre Napoleoniche > La battaglia di Trafalgar: Horatio Nelson

L'ammiraglia francese era armata da 80 cannoni, l'inglese da 101 e la spagnola da ben 136.
Potevano sparare anche con cannoni da 42 libbre, ovvero con palle da oltre 19 chili.
Erano navi dal dislocamento sino a 3.225 tonnellate, come la Victory, la quale era stata ulteriormente attrezzata con un rivestimento in rame da 17 tonnellate per la parte immersa della chiglia.
A Trafalgar si scontrarono la flotta britannica, composta da 33 navi, per un totale di ben 2.313 cannoni, di cui effettivamente impiegate nello scontro 26.
La coalizione franco spagnola impiegò nello scontro 33 navi effettive, per un armamento totale di 2.579 cannoni.
La Victory poteva essere definita la prima corazzata moderna.
La flotta francese era ben armata, ma impressionante era la potenza di fuoco di quella spagnola.
Infatti con solo le tre navi più grandi, l'ammiraglia Santissima Trinidad, la Sant'Ana e la Principe de Asturias, la flotta spagnola raggiungeva 374 cannoni.
Le sei navi della flotta britannica meno dotate sotto il profilo degli armamenti disponevano complessivamente di soli 164 cannoni, con pezzi dalla potenza enormemente inferiore al nemico.

Fonte delle foto dell'armamento della Victory: hms.org.uk, historicdockyard.co.uk e britishbattles.com

Home Page | Attualità | Aziende: prodotti e/o servizi | Storia | Filatelia | Luoghi indimenticabili | Il cane da trifola: ovvero compro & vendo & scambio | In preparazione | Contatti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu