Schegge del Sapere

Cerca

Vai ai contenuti

Menu principale:


Premessa rapida

Filatelia > Premessa

Passione filatelica


La filatelia.
Una passione nata da adolescente, coltivata per qualche anno, e poi dimenticata e relegata in un angolo polveroso della mia mente.
Quale grave errore.
Oggi i giovani non hanno più la passione che poteva esserci una trentina, o meglio una quarantina di anni fa.
Quando i genitori potevano sensibilizzare la passione, il ragionamento, lo studio e la ricerca, ma soprattutto permetteva di allenare una delle doti essenziali nella vita: la pazienza.

Non ultimo, o meglio "
last but not least" come si dice nei paesi anglosassoni, ovvero "ultimo ma non meno importante", il ritorno economico.
Infatti, la filatelia poteva essere un passatempo che in ogni caso avrebbe permesso di poter recuperare i costi sostenuti.
Ed in qualche caso anche di poterci guadagnare qualcosa in futuro.

Non intendo citare molti esempi, sconosciuti ai più, ma solo uno.
A chi capitò il 3 Aprile del 1961 di acquistare - in quelle poche ore che fu disponibile, prima che venisse ritirato per un errore di stampa - qualche francobollo da 205 Lire presso qualsiasi Ufficio Postale, più precisamente quello della serie relativa alla visita del Presidente Gronchi in Perù, ormai divenuto famoso con il nome di
Gronchi rosa, spese appunto 205 Lire a francobollo.
Oggi, le quotazioni medie di mercato, quelle relative ai listini prezzi, che comunque non sempre sono attinenti al mercato vero e proprio, riportano un valore assai elevato circa per il francobollo, indifferentemente nuovo e mai viaggiato, oppure usato ed obliterato.
La quartina viene quotata nell'ordine di alcune migliaia di Euro, ed ancor più se con bordo od angolo di foglio.
Le buste con lo stesso francobollo applicato, possono arrivare a quotazioni rilevanti.
Nei casi più eccezionali, anche nell'ordine di decine di migliaia di Euro.
Questi i casi più eclatanti.


Gronchi rosa

Quartina Gronchi rosa con angolo di foglio

Gronchi rosa su busta viaggiata

Per fare l'esempio opposto, delle semplici annate dal basso pregio, il cui valore di acquisto per tutte le emissioni fu di poche migliaia delle nostre vecchie Lire, comunque negli anni hanno raggiunto il valore di alcune decine di Euro.
Situazione sempre preferibile rispetto ai passatempi attuali dei giovani, che tra videogiochi in consolle domestiche o nei locali pubblici, possono arrivare a spendere in un sol giorno molto più che per una intera annata di francobolli.
Senza che ne abbiano alcun ritorno.
Tantomeno in cultura.

Sarebbe auspicabile che i genitori trasmettessero ai propri figli la passione per la filatelia, che oltretutto è praticabile anche senza l'esborso di particolari cifre.
Infatti si possono benissimo collezionare i francobolli che si potranno staccare dalle buste della normale corrispondenza.

Home Page | Attualità | Aziende: prodotti e/o servizi | Storia | Filatelia | Luoghi indimenticabili | Il cane da trifola: ovvero compro & vendo & scambio | In preparazione | Contatti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu