Schegge del Sapere

Cerca

Vai ai contenuti

Menu principale:


Ricerca presso il Servizio di Diabetologia Pediatrica "G.Stoppoloni"

Attualità > Salute > Il diabete infantile

Ricerca presso il Servizio di Diabetologia Pediatrica "G.Stoppoloni"


In questa pagina troverete l'elenco e la descrizione di tutti i progetti di ricerca in corso e in preparazione ed i risultati di tutti i progetti conclusi presso il Servizio di Diabetologia Pediatrica "G.Stoppoloni".
Poiché la maggior parte dei progetti sono complessi, l'aggiornamento di questa sezione del nostro sito sarà un po' lenta.
Ci scusiamo in anticipo per gli eventuali ritardi e disguidi.
Questa pagina vuole essere, in ogni caso, la riprova, dati alla mano, che la ricerca in campo diabetologico è molto attiva e fruttuosa.

Sono segnalati, infine alcuni link con le principali riviste internazionali che hanno riportato dati recenti segnalati dai componenti il nostro Servizio.

Progetto P.O.N.D. (Prevention of Nephropathy in Diabetes)

Dal gennaio 2000 al gennaio 2002 il Servizio di Diabetologia Pediatrica "G. Stoppoloni" ha partecipato, in collaborazione con la Clinica Medica della Seconda Università di Napoli, al Progetto multicentrico di prevenzione della nefropatia diabetica denominato P.O.N.D. (Prevention Of Nephropaty in Diabetes).
Tale studio prevedeva l'assunzione in doppio cieco verso placebo di un farmaco antiipertensivo ACE inibitore (Quinalapril) prima della comparsa di microalbuminuria in 720 pazienti italiani di età superiore a 18 anni con IDDM insorto prima dei 31 anni di età, con durata superiore a 5 anni ed inferiore a 15 anni, con controllo glicemico stabile.
Lo scopo dello studio è stato quello di valutare gli effetti del Quinalapril sull'incidenza di microalbuminuria in pazienti affetti da IDDM, normotesi, normoalbuminurici e valutare la relazione tra tale incidenza, i valori pressori, il controllo glicemico, la lipidemia e l' Albumin Excretion Rate (AER) iniziale.
La dimensione del campione da arruolare (720 pazienti) era stata calcolata considerando un'incidenza annua di microalbuminuria del 3% nel gruppo placebo ed è stato ipotizzato che il quinalapril potesse ridurre l'incidenza della microalbuminuria del 60%.
Lo studio prevedeva l'assegnazione randomizzata dei pazienti alla terapia con Quinalapril alla dose di 20 mg oppure placebo e si iniziava la somministrazione in ambulatorio in modo da valutare l'eventuale insorgenza di fenomeni ipotensivi da prima dose.
Successivamente il paziente e' stato istruito ad assumere una compressa al giorno di farmaco/placebo.
Il paziente hanno praticato controlli routinari dell'HbA1c, della creatininemia, della clearance della creatinina, della microalbuminuria, degli elettroliti, del lipidogramma e dell'emocromo.

La ricerca e' terminata ufficialmente nel gennaio del 2002 e, durante lo studio, nessuno dei pazienti arruolati ha manifestato ipotensione e solo 2 pazienti hanno rifiutato di continuare lo studio dopo le visite preliminari.
Siamo ancora in attesa di pubblicare i risultati finali che saranno comunicati anche sul nostro sito in contemporanea.
Molti ragazzi sono in attesa di sapere se hanno preso il farmaco oppure il placebo.
Lo studio POND è sicuramente tra i più importanti studi di prevenzione degli ultimi anni.
Sicuramente i criteri di inclusione potrebbero averne condizionato i risultati poiché sono stati arruolati pazienti post puberi non microalbuminurici e sicuramente la pubertà condiziona enormemente la comparsa di microalbuminuria per cui tali pazienti sicuramente non sono, per fortuna, i più predisposti ad ammalare di nefropatia diabetica, tuttavia l'adozione di un tipo di metodica controllata che prevede l'uso del placebo dovrebbe riuscire a discriminare l'eventuale effetto protettivo del farmaco.

G.E.T.REM. Study


Lo studio G.E.T.REM. (Glucose Evaluation Trial REMission) si propone,alla diagnosi di diabete mellito autoimmune (tipo 1) di ottenere la migliore remissione possibile.
Lo studio prevede, al termine della chetoacidosi, di non sospendere la terapia infusionale con soluzioni reidratanti ed insulina endovena ma prolungarla per almeno 3 giorni.
Ormai i pazienti che hanno partecipato al Protocollo G.E.T.REM. sono veramente numerosissimi.

Home Page | Attualità | Aziende: prodotti e/o servizi | Storia | Filatelia | Luoghi indimenticabili | Il cane da trifola: ovvero compro & vendo & scambio | In preparazione | Contatti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu